risorgiamo 
dalle natiche,
cui s'eclissa mia,
 la rabbia.
 clisteri 
dell'anima,
canini
 tesi.
tesi a te.

nottetempo senza canali, ma da fervore, d'amore, io dove posso? 
torno senza forze (eppure...) in quel veneto che ogni giorno una bastonata porge.
scrivo queste due righe che tra poche ore non avrò più amor di scrivere.
quell'amore che sparisce…veneto immondo!
tutto sparisce in quelle campagne. 
palpiti di insurrezioni tra calcestruzzi e cementi: o che schifo!